16 Novembre 2017

Per l’inverno, una campagna di solidarietà dei giovani di Betlemme

Il Consiglio Locale dei Giovani di Betlemme ha lanciato qualche mese fa una campagna di raccolta di abiti per i più bisognosi. Un gesto di amore e di misericordia concreto verso l’ istituto Hogar Nino-Dios.

Cristiani di Terra Santa e vita della Chiesa

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/13803"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.com/it/video/cristiani-di-terra-santa-e-vita-della-chiesa-2/13803.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.

«Figlioli, non amiamo a parole né con la lingua, ma con i fatti e nella verità» (1 Gv 3,18).
Mentre la Chiesa si appresta a celebrare, la prossima domenica 19 novembre, la Giornata Mondiale dei Poveri, affinché in tutto il mondo le comunità cristiane diventino sempre più e meglio segno concreto della carità di Cristo per gli ultimi e i più bisognosi, dalla città del Salvatore ancora una volta parte un messaggio di amore.

Una campagna invernale di raccolta straordinaria di vestiti è stata lanciata negli scorsi mesi dal Consiglio Locale dei Giovani di Betlemme, organo istituito nel 2013, che alle porte dell’inverno ha deciso di donare non solo beni di prima necessità, come abiti, ma anche un momento di gioia e di condivisione.

JWAN HAZBOUN
Presidente Consiglio dei giovani - Betlemme
È il primo organo giovanile della città di Betlemme che con i suoi 15 membri rappresenta tutti i ragazzi della città: una sorta di consiglio comunale per i giovani. Ha L'obiettivo di creare per loro una piattaforma, incentivandoli cosi ad esprimere i loro problemi ed a cercare di trovare soluzioni.

ELIAS AL-BANDAK
Membro Consiglio dei giovani - Betlemme
Svolgiamo questa attività per educare i giovani verso le persone con bisogni speciali, perché abbiamo notato come non siano a conoscenza di questa realtà. Vogliamo portare i ragazzi ad avvicinarsi ai più bisognosi.

Il desiderio di aiutare il prossimo, di mettersi a servizio degli altri oltre che di dimostrare l’ altruismo della gente di Betlemme, ha portato questo gruppo di ragazzi a mettersi in gioco ed essere da esempio per gli altri.
Un gesto di generosità perché “donare fa sentire più felici noi stessi e gli altri”. ( Papa Francesco)

LEEN HAMATY
Membro Consiglio dei giovani - Betlemme
Abbiamo deciso di venire qui per attirare l'attenzione dei giovani di Betlemme verso questo istituto affinché anche altri possano sacrificare parte del loro tempo per venire qui e cercare di portare gioia nei loro cuori.

JERIES TALJIEH
Membro Consiglio dei giovani - Betlemme
Sono molto felice oggi perché ho passato il mio tempo aiutando questi emarginati dalla società.

Destinatario di questo gesto di amore l’istituto dell’ Hogar Niño Dios, casa di accoglienza per bambini handicappati, abbandonati o in grave necessità. In una società dove avere figli disabili è a volte considerato anche come segno di punizione divina e quindi di emarginazione, quest’ oasi rappresenta un segno di pace e di speranza

Suor MARIA CUORE DI GESU’
Comunità NIÑO – DIOS – Betlemme
Avere questi ragazzi tra di noi, cristiani e musulmani, facendo questa opera di misericordia è una cosa bellissima, mai vista, perché in un paese di arabi cosi dove predomina più la religione musulmana, un’opera cosi è veramente bella
Sapere che Dio esiste e può fare meraviglie nel cuore dell’uomo, specialmente con questi bambini; il confrontarsi di questi giovani, in questo tempo, con bambini disabili che hanno bisogno veramente dell’amore dell’uomo è veramente una cosa bella; è mostrare che Dio ha misericordia con l’uomo e che vuole salvare l’uomo per mezzo di questi bimbi.