31 Maggio 2016

“Il Santo Sepolcro vicino casa”, la presentazione del libro

A Gerusalemme è stata presentata l’opera di Maria Cristina Rattighieri Johnson che narra della tradizione di realizzare delle repliche dei luoghi santi nel mondo.

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/il-santo-sepolcro-vicino-casa-la-presentazione-del-libro-10978"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.com/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/il-santo-sepolcro-vicino-casa-la-presentazione-del-libro-10978.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
Il Santo Sepolcro vicino casa. Questo il titolo del libro presentato lunedì 30 maggio presso i locali del convento francescano di San Salvatore a Gerusalemme. Il testo, opera dell’italiana Maria Cristina Rattighieri Johnson, fa luce sull’usanza di realizzare repliche dei luoghi santi in varie parti del mondo.


MARIA CRISTINA RATTIGHIERI JOHNSON
Scrittrice
“Questo libro nasce dalla mia ricerca di post dottorato svolta presso l’università ebraica di Gerusalemme dal 2010 al 2014. Io in particolare ho scelto la replica del Santo Sepolcro nella mia regione Emilia Romagna: uno si trova a Bologna, e l’altro a Reggio Emilia”.

P. ATHANASIUS MACORA, ofm
Responsabile francescano dello Status Quo
“Questo è piuttosto un libro sui pellegirni che visitano in Italia perchè non potevano venire qui, ma si è mossa anche una grande devozione verso il santo sepolcro. Queste repliche sono importanti per capire com’era la tomba o l’edicola prima della situazione attuale”.

Durante la presentazione, il custode uscente, Padre Pierbattista Pizzaballa, ha ricordato le origini di questa tradizione. Quando circa un millennio fa i viaggi nella Città Santa erano divenuti impossibili a causa delle diverse dominazioni, i frati e i pellegrini decisero di ricostruire i luoghi sacri in patria, per portare un po’ di Gerusalemme a casa propria, dagli Stati Uniti a varie regioni italiane.

MARIA CRISTINA RATTIGHIERI JOHNSON
Scrittrice
“La copia di Bologna è più conosciuta. È una copia che risale dopo la prima crociata, al 1100 ed è la più antica in assoluto. Regio Emilia è sempre sulla via emilia, la via di Emilio Lepido per cui è importante come luogo di passaggio e naturalmente le popolazioni delle città guardano alle loro copie del santo sepolcro con grande affetto perchè è un pezzo di Gerusalemme”.

Il libro, scritto in inglese e pubblicato dalla Franciscan Printing Press, non ha solo uno scopo divulgativo, ma si propone di andare a sostenere dei progetti precisi realizzati dai frati della Custodia residenti ad Acri, in Galilea.

P. QUIRICO CALELLA, ofm
Direttore Scuola di Terra Santa Acri
“Lei ha deciso con la suia famiglia di devolvere i ricavi di questo libro, se ce ne saranno, ai progetti della scuola id san giovanni d’acri che è antica, risale al 1620 ufficialmente, ma anche prima nel 1552 non ufficialmente, per i progetti Tau Sport Center, un centro sportivo inter-religioso e per il restauro degli asili”.

Il Santo Sepolcro, i cui lavori di restauro sono ufficialmente iniziati domenica 29 maggio, continua ad esercitare un fascino misterioso, che non conosce confini temporali né spaziali.