07 Settembre 2017

Cosa narra la Tradizione sulla Nascita della Vergine Maria?

Esistono due Tradizioni legate al luogo della nascita della Vergine Maria. Una ci dice che nacque a Sephoris, vicino a Nazareth. L’altra, a Gerusalemme. Questo servizio ci farà conoscere questi luoghi.

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/13536"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.com/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/13536.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
Maria è conosciuta come la Vergine di Nazareth, poiché in questa piccola città della Galilea ricevette dall’Angelo l’annuncio che sarebbe stata la Madre di Gesù. E fu lì che, accanto a San Giuseppe, educò Gesù Bambino…

Ma dove sarebbe nata esattamente la Madonna, avvenimento che la Chiesa celebra ogni anno l’otto settembre?

Fra BIENVENIDO BALSAS, ofm
Basilica dell’Annunciazione
“Vi sono due luoghi principali citati dalla Tradizione. Una Tradizione dice che i suoi genitori, Gioacchino e Anna, e conseguentemente, Maria, sarebbero stati originari di Sephoris, a pochi km da Nazareth e infatti, il giorno della Festa di San Gioacchino e Sant’Anna, a Sephoris si tiene una celebrazione.

L’altra Tradizione invece, afferma che il luogo della nascita della Madonna si trovi a Gerusalemme.

Padre FRANS BOUWEN
Comunità Padri Bianchi – Chiesa di Sant’Anna
“Un’antica Tradizione, basata sul Vangelo apocrifo di Giacomo del secondo secolo narra che il luogo si trovava vicino al Tempio di Gerusalemme”.

Lì, ove si trovano anche le rovine della Piscina di Betesda, i crociati costruirono una Chiesa dedicata a Sant’Anna.

Padre FRANS BOUWEN
Comunità Padri Bianchi – Chiesa di Sant’Anna
“Quando i crociati giunsero qui, costruirono questa Chiesa soprattutto per commemorare la nascita di Maria e infatti nella Chiesa c’è la Cripta che la Tradizione considera il luogo, cioè la casa , in cui vivevano Anna e Gioacchino. É come una grotta. Gesù nacque in una grotta. Giovanni Battista nacque ad Ein Karem in una grotta… Le grotte erano molto usate nella loro parte posteriore,che veniva considerata la vera parte della casa”.

Successivamente, i crociati furono espulsi, ed il luogo divenne una scuola musulmana inaccessibile ai cristiani.

Durante l’ epoca ottomana, tuttavia, i francescani ottenero il permesso di celebrarvi la Festa della Natività di Maria. Nel 1856, la Chiesa fu donata alla Francia e affidata ai Padri Bianchi che la custodiscono ancora oggi.

Il luogo oggi è aperto alle visite. Andare nella grotta in cui, secondo la Tradizione, Maria fu concepita senza peccato, è un’esperienza emozionante!

È interessante notare che le uniche “nascite” celebrate dalla Chiesa sono quelle di Gesù, di Giovanni Battista e di Maria.

Padre FRANS BOUWEN
Comunità Padri Bianchi – Chiesa di Sant’Anna
“La Liturgia dice che Maria è l’aurora della nostra salvezza. Il Sole arriva dopo l’alba e l’alba lo precede per mostrare che il Sole sta arrivando. La sua nascita è quindi l’alba della nostra salvezza”.

E da qui, dalla Terra Santa, si è diffusa la devozione alla Madonna. Dall’Oriente all’Occidente, in tutto il mondo, è conosciuta la Madre di Dio!

Nel colonnato della Basilica dell’Annunciazione a Nazareth vi sono mosaici con le diverse rappresentazioni della Madonna nel mondo.

Fra BIENVENIDO BALSAS, ofm
Basilica dell’Annunciazione
“La devozione alla Madonna è cresciuta per molti secoli perché è stata la Madre di Dio! Questo risultò molto chiaro, per esempio, nel Concilio di Efeso, quando fu definita la questione della divinità e dell’umanità di Gesù Cristo. Fu chiaro per tutti che Maria era, dunque la Madre di Dio, Theotókos, quindi, non solo la Madre del Gesù umano, ma di entrambe le sue nature, umana e divina”.