15 Giugno 2017

I Cattolici celebrano il Corpus Domini nel Santo Sepolcro

La Chiesa celebra oggi il Corpus Domini o Corpo di Cristo, Festa le cui origini risalgono al XIII secolo e che dal XIV secolo è vissuta in tutto il mondo, compresa la Terra Santa.

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/13206"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.com/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/13206.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
Nella Basilica del Santo Sepolcro, a Gerusalemme, la Festa del Corpo di Cristo, è stata celebrata come ogni anno il Giovedì che segue la Domenica della Santissima Trinità. La liturgia è stata presieduta dall’Amministratore Apostolico del Patriarcato Latino di Gerusalemme, Mons. Pierbattista Pizzaballa.

Hanno partecipato frati, religiosi e cristiani locali, che durante la celebrazione hanno pregato con devozione.

Nell’omelia, Mons. Pizzaballa ha affermato che Dio ha amato il mondo per mezzo del suo Corpo…Ha spiegato che Gesù ha amato coloro che ha incontrato, si è avvicinato alle persone, le ha guardate, ha provato compassione per loro, ha toccato e si è lasciato toccare, si è lasciato profumare…ha imposto le mani, ha accarezzato, ha ascoltato, ha parlato. Ha avuto fame e sete. Si è sentito stanco e ha avuto paura. Ha condiviso il cammino, si è seduto a tavola, ha provato tenerezza e rabbia. Ha rivolto le sue preghiere al Padre. Nei luoghi per i quali è passato, questo Corpo ha guarito e salvato.

E nell’ultima Cena Gesù, con i suoi amici, ha fatto del suo Corpo il segno della sua presenza definitiva tra noi nell’Eucarestia.

L’arcivescovo ha ricordato la Parola in cui Gesù dice: "Io sono il pane vivo, disceso dal cielo. Se uno mangia di questo pane vivrà in eterno e il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”.

Come da Tradizione, la Messa è terminata con la processione del Santissimo Sacramento intorno all’Edicola del Santo Sepolcro.

Mons. PIERBATTISTA PIZZABALLA, ofm
Amministratore Apostolico del Patriarcato Latino di Gerusalemme
“L’Eucarestia è Cristo che si dona con la sua morte e la sua Resurrezione nella Pasqua per tutti noi. Quindi, celebrare il Mistero nello stesso luogo è una lezione il cui significato è che Dio è sempre presente in mezzo a noi; e anche noi come Chiesa dobbiamo farci pane spezzato per il mondo, per essere un’ Eucarestia vivente insieme a Cristo”.

P. CARLOS VANDERLEI DE MELO
Comunità Opera di Maria
“Celebriamo il Corpo che ci è stato donato, proprio qui vicino, nel Cenacolo. Qui vicino è stato crocifisso, è morto e sempre qui è risorto, quindi celebrare il Corpus Domini qui a Gerusalemme è motivo di grande gioia e occasione per rinnovare la nostra fede e il nostro amore per l’Eucarestia e per il Signore Gesù”.

È un giorno speciale anche per Padre Louis, che proprio oggi celebra 50 anni di sacerdozio!

P. LOUIS WEHBĘ, OCSO
Ordine Cistercense della Stretta Osservanza
“Il primo pensiero che mi viene è un ringraziamento al Signore! Non riesco neppure a ringraziarlo come dovrei! (…) Quando penso che 50 anni fa sono stato ordinato prete per servire il Signore, per servire le anime, per salvare il mondo… Sono ancora sotto al livello in cui dovrei essere, ma confido nella Misericordia infinita del Signore!”.