12 Aprile 2017

Venerazione della Roccia dell’Agonia e della Colonna della Flagellazione di Gesù

Continuano le celebrazioni della Settimana Santa. Fra queste, durante il Mercoledì Santo, la Messa nella Basilica del Getsemani e la Venerazione della Colonna della Flagellazione nella Basilica del Santo Sepolcro.

Attualita, Eventi e Società

Loading the player...
Embed Code  

Request High Quality Video
Copy the code below and paste it into your blog or website.
<iframe width="640" height="360" src="https://www.cmc-terrasanta.org/embed/12780"></iframe>
Request High Quality Video
Please send an email to :
info@cmc-terrasanta.org

Subject:Request High Quality Video

Email Message:
Archivio personale / promozione CMC / televisiva

http://www.cmc-terrasanta.com/it/video/attualita-eventi-e-societa-1/12780.html

Nessuna parte di questo video può essere modificato o diffusi senza un accordo in anticipo con la Cristiana Media Center concordare i termini e le condizioni di pubblicazione e la distribuzione.
In questo Mercoledì Santo, la celebrazione nella Basilica del Getsemani, ai piedi del Monte degli Ulivi a Gerusalemme, ci ha permesso di immergerci nelle vicende vissute da Gesù durante la Sua Passione, Morte e Resurrezione.
La Messa è stata presieduta da Fra Dobromir Jaztal, vicario della Custodia di Terra Santa. É impressionante pensare che qui Cristo fu tradito da Giuda. Fu in questo luogo, secondo la tradizione, che Gesù sudò sangue. Durante la celebrazione è stato cantato solennemente dai frati francescani il Vangelo di Luca, che narra la passione di Cristo. Quando viene narrato il momento dell’agonia di Cristo i frati baciano la Roccia Sacra sulla quale il Figlio di Dio visse la sua agonia.

Fr. BENITO JOSÉ CHOQUE, ofm
Guardiano Basilica del Getsemani
“Questa celebrazione ci introduce al grande giorno che vivremo domani quando gli occhi di tutto il mondo saranno rivolti al Getsemani, al mistero dell’Agonia del Signore. Quella tragica agonia vissuta qui il Giovedì Santo... Quando si legge la Passione, si parla di questo momento. Quando si dice HIC, significa che accadde proprio qui, su questa roccia santa: testimone viva dell’Agonia del Signore”.

Fr. JOSE CLEMENTE MULLER, ofm
Guardiano Convento San Giovanni Battista - Ain Karem
“Questa [è una] manifestazione davvero forte della vita del Figlio dell’Uomo negli ultimi momenti qui sulla Terra, soprattutto qui al Getsemani.... è molto espressivo quel momento in cui il narratore fa una pausa per baciare la pietra dell’Agonia di Gesù.”

E dopo aver venerato la Pietra dell’Agonia di Gesù qui al Getsemani, ci spostiamo nella città vecchia di Gerusalemme, nella Basilica del Santo Sepolcro, per venerare la Colonna della Flagellazione di Gesù. Due reliquie che ci ricordano la sofferenza che Gesù patì per ognuno di noi.

Fr. SINISA SREBRENOVIC, ofm
Primo sacristano della basilica di santo sepolcro/discreto custodiale
“Durante il Mercoledì Santo i frati vengono in processione e venerano la colonna, legata al vangelo di Luca, perché durante la Messa viene letto il brano dove si dice che delle gocce di sangue di Gesù caddero sulla pietra....possiamo dire che la prima è la pietra del Getsemani, la seconda è la colonna della flagellazione di Gesù”.